giovedì 19 maggio 2016

Il falso mito dell'uomo stronzo



Per conquistare una donna devi essere stronzo. Davvero? Allora le donne sono gli esseri più tonti che esistono sulla terra. Davvero donne? Dire "a me piacciono gli stronzi" equivale a dire "io non amo me stessa": gli stronzi non esistono, ve lo dice un uomo che sa essere carino e sa essere stronzo. Questo è un po' vero per tutti gli uomini. Cosa fa di un uomo uno stronzo? Il semplice fatto che non prova interesse, o ne prova poco, o che siete un bocconcino appetitoso con il quale condividerebbe con voi al massimo qualche sfrenata notte di passione. Se un uomo vi apprezza, se a un uomo piacete, toglierà tutto ciò che c'è di stronzo in lui per farvi diventare regine, per inchinarsi ai vostri piedi, per stendere tappeti rossi, si arrampicherà su un pendio per cogliervi una rosa: ma solo e soltanto se per lui rappresentate qualcosa. Al contrario se non gli interessate allora saranno spavaldi, impavidi, farfalloni, distanti, distratti, schivi. È ora di far crollare questo tabù dell'uomo stronzo e dell'uomo gentile. In ogni uomo esistono entrambi, quello che davvero fa la differenza è l'essere o non essere interessanti ai nostri occhi. Salviamo da questo falso mito tutti quegli uomini vittime di questa stupida leggenda, i quali poverini fingono di essere stronzi: perché se i vostri occhi brillano non riuscirete mai ad essere davvero stronzi, mettetevi l'anima in pace. Siate voi stessi, siate spontanei, siate generosi, siate amabili, affabili, eleganti, cortesi, siate tutto ciò che di bello vi suggerisce il cuore: state pur certi che la sconfitta non sarà la vostra.

Nessun commento:

Posta un commento